Giro d’Europa in 1949 ore a bordo della “695 70° Anniversario” per celebrare l’anno di nascita del Brand dello Scorpione

Sta per partire il progetto “Giro d’Europa in 1949 ore”, l’avvincente tour europeo a bordo dell’Abarth 695 70° Anniversario che affronterà un percorso a tappe di circa 3.700 km, attraversando Paesi Bassi, Belgio, Germania, Svizzera, Italia, Francia, Spagna e Portogallo. L’impresa si svolgerà in 1.949 ore – un chiaro omaggio all’anno di nascita del marchio e al numero di unità della Abarth 695 70°Anniversario – che corrispondono a poco più di 80 giorni, proprio come l’avventuroso viaggio narrato da Jules Verne nel suo famoso romanzo Le Tour du monde en quatre-vingts jours.

Il tour “Giro d’Europa in 1949 ore” coinvolgerà anche tutta la community Abarth, che con i suoi oltre 80 club, attualmente conta oltre 110.000 fan.

“Mi sembra il modo migliore per chiudere un anno di festeggiamenti, insieme a tutti i nostri appassionati, club, fan, il popolo di Abarthisti di tutta Europa che andiamo ad incontrare durante il viaggio – ha dichiarato Luca Napolitano, Head of EMEA Fiat &Abarth Brands -. Un viaggio all’insegna della passione per le auto, del divertimento di guida, e delle performance”. La partenza ufficiale del tour è programmata oggi dalla località olandese di Lijnden, a 10 km da Amsterdam, per poi dirigersi prima in Belgio e all’inizio di marzo raggiungere la Germania. Da lì poi l’adrenalinica Abarth 695 70° Anniversario punterà verso Ginevra, in Svizzera, per poi raggiungere Torino, la città che ospitò la prima sede dell’Abarth e che ancora oggi è sede del quartier generale della Casa dello Scorpione e dell’Heritage HUB dove sono custodite alcune tra le più importanti vetture prodotte dall’Abarth nella sua storia. E alla fine di marzo il tour “Giro d’Europa in 1949 ore” ripartirà alla volta della Costa Azzurra, in Francia, per poi raggiungere la Spagna, toccando Barcellona e Madrid, e infine concludersi a metà di aprile nell’affascinante città portoghese di Lisbona.

Fonte: Abarth Press

  •  
  •  
  •  
  •  
  •